A proposito di Ente Legati Carta-Meloni

06/10/2010

La storia dei materassi continua

Filed under: Uncategorized — ipabcartameloni @ 17:57

Non avevo alcuna voglia di continuare ad occuparmi di questa squallida vicenda ma poichè gli scambi epistolari col Sindaco continuano mi limito a pubblicare il testo delle lettere ricevute e spedite e lascio ai lettori il giudizio.

LETTERA DEL COMMISSARIO AL COMUNE
IPAB Ente Legati Carta Meloni
c/o Commissario Straordinario
via E. d’Arborea 7
09075 Santulussurgiu

Spettabile Amministrazione Comunale
di Santulussurgiu
alla c.a. del Signor Sindaco

e, p.c.

Spettabile Regione Autonoma della Sardegna
Assessorato dell’Igiene e Sanità
e dell’Assistenza Sociale
Direzione Generale delle Politiche Sociali
Via Roma 253 Cagliari

Santu Lussurgiu 23 luglio 2010

OGGETTO : Rimozione materiale risulta scavi “cantiere Autismo” accatastato “provvisoriamente”, da oltre un anno nel “campo piccolo” del Collegio e rimozione materassi ex beni Cooperativa Culturale collocati nello stesso sito su sua disposizione.

Egregio Signor Sindaco, ho appreso, dalla Stazione Guardie Forestali di Seneghe, che alcuni mezzi chiamati a domare un incendio sviluppatosi nel “Campo sportivo Grande” non sono potuti accedere all’area interessata in quanto i rottami accatastati ostruiscono la rampa d’accesso.
La invito, cortesemente, a volerne disporre la rimozione quanto prima ed a far rimuovere, nel contempo, anche i materassi, nascosti agli occhi dei cittadini nel comodo rifugio dell’area IPAB e non fatti smaltire forzosamente con addebito di spese e con l’aggravio di eventuali sanzioni ai responsabili dell’abbandono.

Distinti saluti
Antonio Gavino Sanna

—————————————-
RISPOSTA DEL SINDACO AL COMMISSARIO

Cliccando sulla riga sottostante si può visualizzare la lettera di risposta inviatami dal sindaco, dopo due mesi, in data 23 settembre 2010.
lettera del sindaco 230910

————————————————-
PRECISAZIONI E PUNTUALIZZAZIONI DEL COMMISSARIO ALLE AFFERMAZIONI CONTENUTE NELLA LETTERA DEL 23/09/2010

IPAB Ente Legati Carta Meloni
c/o Commissario Straordinario
via E. d’Arborea 7
09075 Santulussurgiu

Spettabile Amministrazione Comunale
di Santulussurgiu
alla c.a. del Signor Sindaco

e, p.c. A tutti i Consiglieri Comunali

Spettabile Regione Autonoma della Sardegna
Assessorato dell’Igiene e Sanità
e dell’Assistenza Sociale
Direzione Generale delle
Politiche Sociali
Via Roma 253 Cagliari

Santu Lussurgiu 5 ottobre 2010

OGGETTO: Riscontro comunicazione datata 23 settembre 2010.
Prot. 4472.

Egregio Sindaco
Faccio seguito alla Sua comunicazione datata 23 settembre 2010 ricevuta in risposta alla mia lettera del 23 luglio.
Esprimo preliminarmente il mio forte disappunto circa la sua affermazione sulla mia incapacità a mantenere corretti rapporti istituzionali; la stessa, oltre ad essere del tutto gratuita, è palesemente rivolta alle orecchie di altri che poco o nulla sanno delle Sue pesanti assenze anche negli incontri “urgenti” col segretario comunale da lei stesso convocati, di quanto Ella abbia sempre evitato il confronto diretto sulle molteplici pendenze esistenti tra comune ed ente e non ultimo dei miei vani tentativi di farla esprimere sul futuro della IPAB.
Osservo ancora che dall’impostazione generale e dal tono delle parole che usa nella lettera, traspare un intento punitivo e di rivalsa nei confronti di chi, non ha fatto e non sta facendo altro che tutelare gli interessi dell’Ente che amministra e la propria incolumità fisica e morale.
Pertanto ancora una volta, e con grande rammarico, mi risulta necessario chiarire in forma scritta l’esatto susseguirsi degli eventi che evidentemente alla Sua vista appare travisato, così che, i fatti ed i documenti possano servire a respingere ogni tentativo di scaricare, ex post, sulla mia figura istituzionale ed ancor prima sulla mia persona, responsabilità che non mi appartengono.
Ciò premesso, passo ad affrontare la questione delle macerie presenti nell’area retrostante il collegio e provenienti dal cantiere finanziato con i fondi del Bando POR misura 5.2.
Le sembra davvero un’argomentazione sufficiente per chiamarsi fuori dalle responsabilità il fatto che l’impresa li abbia accatastati in quel luogo senza l’autorizzazione dei tecnici ? Chi è il committente dell’opera da cui provengono? A chi rispondono il responsabile del procedimento ed il direttore dei lavori? Quel che è certo, è che l’impresa, (e di questa questione, Lei era a perfetta conoscenza), aveva previsto di utilizzare di li ad un mese, una parte delle macerie, debitamente trattate, come materiale di riporto nella realizzazione delle fondamenta. Solo in tale ottica una parte dei materiali proveniente dagli scavi, venne accatastato nel piazzale.
A seguito della sospensione dei lavori da lei disposta e della conseguente chiusura del cantiere, la vicenda ha però assunto connotati del tutto differenti. Il mese o massimo i due mesi di tempo previsti per lo sgombero dell’area, sono diventati i diciassette mesi fino ad oggi trascorsi e durante questo tempo, più volte, mi sono state espresse le lamentele degli abitanti del quartiere per la polvere che arriva nelle case.
Queste nuove macerie, inoltre, sono andate a sommarsi a quelle già presenti nello stesso luogo, derivanti dalla demolizione del muro di recinzione del campo sportivo, disposta anch’essa dall’amministrazione comunale ben prima della mia nomina e mai rimosse.
Alle lamentele si sono poi aggiunti gli avvertimenti di alcune guardie forestali, le quali, a seguito di un piccolo incendio alle sterpaglie cresciute sulle macerie, oltre a contestarmi il mancato rispetto delle norme regionali antincendio, mi hanno messo sull’avviso che esisterebbero i presupposti per una denuncia penale per costituzione di discarica non autorizzata.
In sintesi la situazione sarebbe questa: l’amministrazione comunale ha demolito da tempo il muro di cinta ed ha lasciato, per anni, le macerie all’interno dell’area IPAB; successivamente, provenienti da un cantiere comunale attiguo vengono accumulate nella stessa area altre macerie; le sterpaglie crescono sia sulle vecchie che sulle nuove; scoppia un incendio di origine dolosa; intervengono le guardie forestali e…non solo sanzionano il legale rappresentante della proprietà, cioè il commissario, per aver disatteso le norme antincendio, ma gli prospettano anche una possibile denuncia penale per costituzione di discarica abusiva.
A questo punto, quando il commissario ha l’ardire di rivolgersi al responsabile di questo stato di cose, cioè l’amministrazione comunale in tutte le sue emanazioni presenti e passate, chiedendo di porvi rimedio, questa risponde dicendo di “evitare inopportune comunicazioni intimidatorie”!!! Lascio ad altri il giudizio, sulle Sue modalità di gestire i “corretti rapporti istituzionali”.
Le ricordo per l’ennesima volta che anch’io sono il rappresentante di una pubblica istituzione, e che la mia suscettibilità non è certo inferiore alla Sua, quando Lei attribuisce, per altri fini, intenti intimidatori alla mia richiesta.
Se per Lei è un atto intimidatorio l’invito formale rivoltoLe dal rappresentante di un ente pubblico, a prendere provvedimenti di Sua competenza, come dovrei interpretare il taglio della mia vigna??
In ordine all’altra questione dei materassi:
a beneficio di chi non conosce la vicenda è opportuno riepilogare i fatti: i cittadini notano,“per svariati giorni”(due nei rapporti dei vigili urbani intervenuti) dei materassi accatastati davanti all’ingresso dell’edificio Carta Meloni e (secondo lei) preoccupati per eventuali imprecisati atti vandalici (da compiere eventualmente su un pubblico e trafficato viale) chiamano i vigili.
I vigili svolgono un minimo di indagini e scoprono che i materassi sono usciti dai locali dell’edificio; vengo contattato per telefono da un vigile urbano che mi chiede gentilmente conto dell’abbandono dei materassi.
Gli rispondo che il giorno del presumibile abbandono ero impegnato a compilare l’inventario degli arredi della chiesa Don Bosco, in un’altra ala del fabbricato, insieme a due tecnici comunali, al titolare dell’impresa incaricata di eseguire i lavori e a due periti di parte da me incaricati, (il geometra Sig. Carlo Pische ed il Sig. Pietro Paolo Marras).
Mentre svolgevamo tali operazione ebbi modo di incontrare e salutare la dottoressa Boe, commissario liquidatore dei beni della disciolta Cooperativa Culturale Carta Meloni, in liquidazione coatta amministrativa, una sua incaricata e don Cambula, parroco del paese, accompagnato da un certo numero di aiutanti, chiamati per portar via dai locali dell’immobile, di cui la Boe ha le chiavi, due dei lotti di detti beni, da lui acquistati, di cui facevano parte sedie, armadi, letti ed un numero imprecisato di materassi.
Invitai pertanto il vigile urbano a rivolgersi a queste persone per sapere se i materassi abbandonati fossero gli stessi. Il vigile urbano, ringraziandomi per le informazioni fornite, mi salutò e mi assicurò che avrebbe chiarito la cosa e riferito poi a chi di dovere per i provvedimenti del caso.
Alcuni giorni dopo, fu Lei stesso sig. Sindaco, ad affermare in mia presenza di aver dato disposizione di rimuovere i materassi dal pubblico marciapiede antistante la facciata dell’edificio, alla quale erano appoggiati (vedi foto allegate) e di farli posizionare all’interno dell’area IPAB, nel cortile (adiacente al pubblico ampio e trafficato viale), che già contiene le macerie di cui sopra.
Certo Lei potrà smentire quanto sopra, ma in coscienza, dopo le sue ammissioni, ritengo che null’altro vi sia da “verificare con maggiori puntualità”.
Di fatto, comunque non per mio ordine, i materassi sono stati gettati alla rinfusa, in un angolo del cortile, non visibile dall’esterno, sotto due finestre ed a fianco di una porta, ed ancora oggi si trovano, proprio nel luogo dove i paventati vandali operano da anni indisturbati, divertendosi a spaccare i vetri a sfondare le porte e le finestre ed a compiere, a danno dell’IPAB, tutti quei misfatti che conosce e che non hanno mai ricevuto alcuna condanna ufficiale ne parole di riprovazione da parte sua. (vedi foto allegate e denuncie presentate ai carabinieri).
Consideri pure, se vuole, come ulteriori intimidazioni le mie domande, ma per favore, può darmi una spiegazione? E’ logico presumere, fin dal giorno dell’intervento dei vigili, che lei sia stato informato di come stavano le cose e che le siano stati comunicati i nominativi (da me forniti) delle persone cui chiedere conto dell’abbandono. Per quale motivo rimbalza a me, oggi, nella sua lettera, le stesse informazioni che io ho dato ai suoi subordinati circa tre mesi orsono??
Se le indagini dei vigili hanno poi portato all’individuazione dei responsabili, sulla base di quale altro strano ragionamento ha disposto la rimozione dei materassi dall’area pubblica (di sua competenza) ed il loro trasloco all’interno dell’area IPAB?
E’ sufficiente la giustificazione addotta “per non accrescere la percezione di completo degrado del caseggiato”? Se quella fosse la vera ragione e se fosse da interpretare come soluzione temporanea, non vi sarebbe stata alcuna questione, ma di fatto i materassi sono ancora là e se non riterrà a breve, di trovare congiuntamente una soluzione a questi problemi, mi vedrò costretto a tutelare la mia posizione segnalando quanto sopra all’autorità giudiziaria.
Problemi che potrebbero essere risolti con 10 minuti di franco e sereno confronto, farebbero, in tal caso, diventare “questioni di principio e di tutela della legalità” tutte le pendenze esistenti tra comune ed IPAB.
Questo fatto, che finirebbe col coinvolgere molte persone, attirerebbe certo molti giudizi negativi su di me, con la facile accusa di essere rigido e troppo zelante, (certamente non intimidatorio) ma non le sarà sicuramente di aiuto per la risoluzione dei problemi e per la realizzazione dei suoi progetti.
Con la speranza che il ricorso ai mezzi estremi possa essere evitato la invito a voler disporre quanto prima , un incontro chiarificatore, per trovare più idonee soluzioni.
Nell’attesa di un cordiale e costruttivo riscontro, porgo distinti saluti

Antonio Gavino Sanna

ALLEGATI: 1) Foto materassi prima della rimozione; 2) Foto materassi dopo la rimozione; 3) Foto vecchie macerie; 4) Foto nuove macerie; 5) Denuncie ai carabinieri.

materassi prima della rimozione
materassi dopo intervento sindaco
nuove macerie e materassi nell'angolo

vecchie macerie

macerie nuove dopo intervento impresa
cliccare sui titoli sottostanti per leggere denuncie
denuncia ai carabinieri febbraio 09
denuncia carabinieri giugno 09

Annunci

24/09/2010

Convenzione per rifacimento copertura chiesa Don Bosco

Filed under: Uncategorized — ipabcartameloni @ 19:18

La convenzione per il rifacimento del tetto della chiesa Don Bosco, a lungo osteggiata e ritenuta superflua, è stata sottoscritta, quasi all’ultimo momento, con tutte le garanzie ritenute necessarie. L’amministrazione comunale ed il commissario dell’ente hanno infatti trovato un’intesa di mediazione che, ritengo, soddisfi entrambe le parti. Questo dimostra che quando ci si siede ad un tavolo, senza preconcetti, con lo scopo di trovare le soluzioni possibili, queste, prima o poi, saltano fuori. Spero che questo insegnamento serva a qualcosa e sia di buon auspicio anche per risolvere gli altri problemi in sospeso.
Per visualizzare il testo della convenzione e l’inventario degli arredi bisogna cliccare sulla riga sottostante.
convenzione chiesa don bosco

27/07/2010

RICHIESTA DI APERTURA DI UN DIBATTITO PUBBLICO SULL’ENTE CARTA MELONI

Filed under: Uncategorized — ipabcartameloni @ 22:51

LETTERA APERTA A TUTTI GLI AMMINISTRATORI COMUNALI
Con questa lettera aperta intendo portare all’attenzione del nuovo Consiglio Comunale e di tutti i cittadini di Santulussurgiu i problemi dell’Ente Carta Meloni.
La ragione per cui ho scelto di utilizzare questo strumento è quella di far chiarezza sui rapporti tra Commissario e vecchia Amministrazione Comunale.
Considerato che la maggior parte dei componenti il Consiglio Comunale è di nuova nomina e quindi totalmente estraneo alle vicende passate, ho ritenuto doveroso ricordare a tutti che ci sono problemi pregressi che attendono soluzione e riassumere per chi non abbia sufficienti informazioni sull’argomento, in un breve resoconto, gli eventi che hanno caratterizzato il rapporto tra Comune e Commissario dell’Ente in questi ultimi quattro anni.
Con decreto della giunta regionale n. 44, del 19 maggio 2006, emesso dall’Assessorato dell’Igiene e Sanità e dell’Assistenza sociale della Regione Sardegna in data 1 giugno 2006, Prot. 19293/5, sono stato nominato, dal Presidente della Giunta Regionale, su proposta dell’ Amministrazione Comunale di Santulussurgiu, commissario straordinario della IPAB (Istituzione di Pubblica Assistenza e Beneficenza) Ente Legati Carta Meloni.
Qualche mese prima (vedi articolo Unione Sarda 19 aprile 2006), il Sindaco di Santulussurgiu, ritenendo che non vi fossero più le condizioni per indire nuove elezioni per il rinnovo del consiglio di amministrazione dell’Ente, in regime di prorogatio da diversi anni, aveva suggerito all’allora assessore alla sanità Nerina Dirindin di procedere al suo commisariamento.
All’inizio del mandato i rapporti con l’amministrazione comunale furono ottimi ed in data 9 agosto 2006 fu sottoscritta la dichiarazione di cessione al comune dell’area “ex alloggio suore” di cui è utile riportare due brani integrali del testo per meglio comprendere l’origine di uno dei successivi dissidi
(1°) – “…il sottoscritto Antonio Gavino Sanna, commissario straordinario, si dichiara disposto a concedere in piena disponibilità, al Comune Di Santulussurgiu quella porzione di immobile denominata “Residenza San Francesco”, il cortile interno e le tettoie, il tutto meglio evidenziato nell’allegata planimetria , perché venga ristrutturato e reso idoneo a struttura residenziale e/o semiresidenziale ad alta intenzionalità terapeutica, con sostegno continuativo (24h) destinata ad ospitare persone con disturbo mentale per il tempo stabilito dal Bando POR sopra citato…”- (2°) “ Il Sindaco di Santu Lussurgiu ed il Commissario Straordinario regolamenteranno in modo stabile, con successivo atto e con apposito contratto le modalità di cessione da parte dell’IPAB e di fruizione da parte del Comune, della porzione di immobile concessa.” Nei primi mesi del 2007, verificata, con non poche difficoltà e resistenze, la situazione patrimoniale dell’Ente, (i bilanci degli ultimi quattro anni, scritti a mano su fogli in bianco, mi furono consegnati, solo dopo aver fatto richiesta scritta, tre mesi dopo l’insediamento), ebbi modo di constatare che la collaborazione dell’amministrazione comunale per agevolare il mio insediamento e nello scontro subito apertosi con la Cooperativa Culturale Carta Meloni non era stata quella attesa.
La Cooperativa Culturale Carta Meloni, inattiva dal 2003, continuava ad occupare con i propri arredi le sale del Collegio nonostante che, già dal 2005, (e dunque prima della mia nomina), l’Ing. Pinna, Presidente dell’Ente, avesse provveduto a rescindere la Convenzione tra Ente e Cooperativa Culturale.
Nel momento in cui avevo preso possesso degli immobili (evento filmato a futura memoria), avevo rinnovato l’invito allo sgombro suscitando le ire dei soci superstiti per l’affronto subito in quanto qualcuno pensava ancora che si potesse riprendere l’attività .
Constatai in seguito che sarebbe stato necessario avviare un confronto più stretto anche con l’Amministrazione Comunale in quanto la maggior parte dei problemi da risolvere, per una corretta amministrazione dell’Ente, erano legati al rapporto distorto, consolidatosi nel tempo, tra amministrazione dell’Ente e comune di Santu Lussurgiu.
Cercai quindi, più volte, per tutto il 2007, di coinvolgere il Sindaco, gli assessori ed i consiglieri comunali, sia di maggioranza sia di minoranza in un ragionamento sull’Ente Carta Meloni; consegnai a tutti gli interlocutori i documenti dai quali emergeva palese l’esigenza di una assunzione di responsabilità per le azioni da compiere in base ai disposti della Legge Regionale 23 dicembre 2005 n. 23, dalla quale era nata l’esigenza stessa del commisariamento, che all’art. 44 di seguito riportato,per opportuna conoscenza, evidenzia le
“Disposizioni in materia di Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza (IPAB)”

1. Le Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza (IPAB) che operano prevalentemente nel campo socio-assistenziale, anche mediante il finanziamento di attività ed interventi sociali realizzati da altri enti con le rendite derivanti dalla gestione del loro patrimonio, sono inserite nel sistema integrato di cui all’articolo 2, nel rispetto delle loro finalità e specificità statutarie.
2. Con la presente legge la Regione dispone la trasformazione della forma giuridica delle IPAB in aziende pubbliche di servizi alla persona o in enti morali di diritto privato, al fine di garantire l’obiettivo di una efficace ed efficiente gestione, assicurando autonomia statutaria, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica compatibile con il mantenimento dei vincoli posti dalle tavole di fondazione e dagli statuti.
3. Le IPAB che dimostrano la capacità finanziaria per poter proseguire nell’attuazione degli scopi statutari, possono essere trasformate in aziende pubbliche di servizi alla persona o in associazioni o fondazioni di diritto privato.
4…, 5…, 6…, 7…,(omissis)
8. Le IPAB che non sono più in grado di funzionare o hanno espresso la volontà di non sussistere sono soppresse con decreto del Presidente della Regione e beni e funzioni sono trasferiti al comune ove le stesse hanno sede legale.
9…, omissis
10. Per quanto riguarda gli organi di governo, il funzionamento, la gestione, il patrimonio e gli aspetti statutari, si fa rinvio al regolamento di attuazione della presente legge.

Mi ero sforzato di far comprendere che mentre un Consiglio di Amministrazione regolarmente eletto e pienamente legittimato avrebbe potuto, in totale autonomia, decidere se tenere in vita l’Ente, adottando tutti i provvedimenti necessari, nel rispetto delle disposizioni di legge, a cominciare dalle modifiche statutarie, o se decretarne la soppressione, la stessa cosa non poteva essere fatta con pari legittimazione, da un commissario straordinario nominato dall’esterno.
Diverso sarebbe stato se l’amministrazione comunale, chiamata dalle tavole di fondazione ad essere custode delle volontà testamentarie e che non poteva esimersi dall’avere una propria posizione, si fosse assunta le sue responsabilità decidendo pubblicamente per la sopravvivenza o per la morte dell’Ente.
Solo dopo ripetute richieste verbali e scritte perché venisse fissato almeno un incontro con la giunta riuscii a strappare al Sindaco la promessa che sarebbe stato dato incarico ad un assessore di incontrarmi per esaminare l’argomento (ho maturato l’opinione, col senno del poi, che nessun rappresentante dell’amministrazione comunale avesse molta voglia di affrontare l’argomento in sede ufficiale perché se fosse prevalsa l’opinione più diffusa, di cui liberamente si parlava nelle sedi informali – “vendita dei terreni per usare il ricavato nella ristrutturazione del Collegio” – il rischio sarebbe stato quello di essere ricordati dai cittadini lussurgesi come “quelli che si sono venduti i beni dell’Ente Carta Meloni”. Poiché di farsi cucire addosso questa medaglia nessuno aveva chiaramente voglia sarebbe stato sicuramente più comodo per l’amministrazione se l’onere della decisione fosse ricaduto solo sulle spalle di un Commissario Straordinario le cui scelte si sarebbero potute sempre sconfessare).
Qualche giorno prima della data entro la quale si doveva obbligatoriamente dare una risposta alla Regione in base ai disposti del Regolamento di Attuazione della già citata Legge Regionale 23 del 2005, nel frattempo messo a punto dall’assessorato regionale alla sanità (maggio-giugno 2008) ottenni un incontro col vice sindaco prof.ssa Mariella Pani e trovai la sua disponibilità ad esaminare l’argomento valutando le uniche due opzioni possibili e le conseguenze che ne sarebbero derivate sia in un caso che nell’altro.
Il ragionamento fu approfondito in un secondo incontro e si convenne che la cosa migliore da fare per l’amministrazione era quella di esprimere consenso alla proposta da me messa a punto, (sulla quale avevo già ricevuto il sostegno di alcune personalità che erano state contattate perchè ritenevo potessero dare un forte contributo a risolvere molti problemi), di trasformare l’Ente in una Fondazione di Partecipazione di diritto privato ONLUS quale unica alternativa al suo scioglimento.
La considerazione decisiva era stata quella che, in caso di scioglimento, l’amministrazione dei beni dell’Ente, “terreni locati e sfitti e fabbricati fatiscenti”, sarebbe andata ad aggravare e complicare la già pesante gestione amministrativa dei beni immobili di proprietà comunale con una nuova e aggiuntiva contabilità separata e questo, era considerato, al momento, inopportuno e non consigliabile.
Questo iniziale tiepido consenso si tradusse nella Delibera di Giunta n. 76 del 22 luglio 2008, assunta all’unanimità dei presenti (assente il Sindaco) con la quale si esprimeva parere favorevole alla trasformazione dell’Ente Carta Meloni in Fondazione Carta Meloni di diritto privato e in data 24 ottobre 2008 venne presentata in Regione la richiesta di trasformazione dell’Ente.
Al raggiungimento di questo insperato traguardo ritenni, inopportunamente, che i problemi si sarebbero presto risolti e iniziai a sollecitare gli amministratori perché tutte le altre situazioni ingarbugliate trovassero soluzione e perché venisse costituito un gruppo di lavoro sul nuovo statuto e sulla composizione del nuovo consiglio di amministrazione col coinvolgimento delle associazioni presenti in paese.
Partivo dall’assunto che fosse interesse comune condiviso chiudere partite vecchie, non dovute a responsabilità attribuibili all’amministrazione in carica e ritenevo perfettamente logico e comprensibile che se l’Ente, pur sotto diversa veste, doveva continuare a svolgere il suo compito nel sociale aveva necessità di poter far conto su tutte le entrate derivanti da una libera e corretta amministrazione dei suoi beni.
Il primo passo da fare era quindi quello di chiudere tutti gli elementi di contenzioso aperti col comune perché il nuovo Ente, la Fondazione Carta Meloni, potesse iniziare la sua attività libera da qualunque vincolo.
Era infatti necessario prospettare al costituendo gruppo di lavoro le disponibilità economiche sulle quali avrebbe potuto far conto il nuovo consiglio di amministrazione.
Questo ragionamento venne, più volte, esposto al Sindaco, che lo ritenne corretto e condivisibile, ma ogni volta che spingevo perché i ragionamenti condivisibili si traducessero in impegni precisi e scadenzati nel tempo ricevevo risposte vaghe e promesse di un imminente interessamento che mai si concretizzava.
Iniziai perciò a presentare richieste scritte e a chiedere risposte ma anche questo non servì a nulla;continuavano però ad arrivare richieste di utilizzo permanente dei locali,a costo zero, per esigenze del comune:Alloggio squadra 118 della Croce Rossa (senza servizi igienici e senza corrente elettrica), Installazione di un ripetitore dei bandi pubblici sul terrazzo del Collegio la cui messa in opera, in economia, senza progetto e manutenzione successiva a cura degli operai comunali, avrebbe reso l’intero edificio, (nel quale erano e sono custoditi gli arredi inventariati della Cooperativa Culturale, nel frattempo cessata per decreto ministeriale e soggetti a liquidazione coatta) accessibile a imprese esterne e manutentori.
Per buona parte del 2008, per tutto il 2009 ed anche per questo avvio di 2010, il rapporto col comune è stato solo di carattere epistolare; ho continuato a chiedere al comune un impegno per la risoluzione dei vari problemi e posso in ogni momento citare data e numero di protocollo delle lettere inviate, molte delle quali indirizzate, per conoscenza, anche all’assessorato alla Sanità……e
NON HO MAI RICEVUTO RISPOSTA ALCUNA.
ANCHE QUANDO, PER SUE NECESSITA’, IL COMUNE HA DOVUTO SCRIVERE AL COMMISSARIO DELL’ENTE, NON HA MAI FATTO RIFERIMENTO ALLE LETTERE CHE SULLO STESSO ARGOMENTO AVEVA RICEVUTO NONOSTANTE FOSSERO IN STRETTA RELAZIONE A CIO’ CHE IN QUEL MOMENTO INTERESSAVA.
Un esempio per capire: il Commissario scrive al comune la lettera datata 15 maggio 2008, prot. 2371, avente per oggetto “Richiesta pagamento canoni locazione terreno Pilieri” e “Richiesta rinnovo Convenzione” non riceve risposta alcuna alla richiesta di rinnovo della convenzione ed il Comune scrive al commissario, il 19 febbraio 2009, prot. 914, una sua lettera nella quale sollecita al Commissario l’urgente rinnovo della stessa convenzione in quanto l’avvocato Miscali, del foro di Oristano, al quale il comune si è rivolto per avere un parere (pagando una lauta parcella!!!) ha risposto al quesito postogli (SE IL COMUNE POTEVA SUBAFFITTARE, per 8.000,00 € l’anno, UNA PARTE DEL TERRENO DELL’ENTE,per il quale ne paga, quando capita, € 250,00) in questi termini: “il comune potrà concedere in affitto l’area in questione solo ed esclusivamente previo consenso scritto anche in ordine alle modifiche di destinazione d’uso del terreno, da parte del Legale Rappresentante dell’Ente proprietario dello stesso”,,,
Era proprio necessario rivolgersi ad un legale per avere un parere su una questione tanto semplice e banale??? A cosa servono i Segretari Comunali??? Come mai i soldi per consulenze legali superflue si trovano e per l’adeguamento del canone di locazione di Pilieri(il terreno in questione) non ci sono???
Escludendo un caso di temporanea schizofrenia collettiva che, in questo caso, avrebbe coinvolto la Giunta, l’Ufficio Tecnico ed il Segretario Comunale c’è un’unica spiegazione a questo pervicace atteggiamento di rifiuto di dialogo: l’amministrazione comunale era abituata da troppo tempo a disporre dei beni dell’Ente a suo piacimento e qualunque osservazione veniva fatta per ricordare che questi beni erano affidati alla responsabilità di un altro amministratore pubblico, a questo compito specificamente preposto, veniva considerata un fastidio ed una illegittima intromissione.
E’ anche probabile (altra mia opinione) che le intese che portarono all’approvazione della delibera n. 76 del 22 luglio 2008 che diede via libera alla trasformazione dell’Ente fossero state mal digerite e che si sperasse, con questo atteggiamento ostruzionistico, di stancare un interlocutore sgradito spingendolo a rinunciare al mandato, per trovare poi una giustificazione all’avvalersi delle previsioni del comma 8 art. 44 della Legge Regionale 23/2005.
Quindi….preso atto del fallito tentativo del Commissario Straordinario, il Comune “sarebbe stato costretto a subire” lo scioglimento dell’Ente disposto d’ufficio dall’Assessorato alla Sanità, non per scelta …ma per necessità..
Finite le intromissioni, finiti i problemi.
Questa ipotesi spiegherebbe anche il perchè altre due proposte da me presentate: la prima per la soluzione del pasticcio di Pilieri e la seconda per la cessione, a prezzo simbolico, degli altri terreni occupati abusivamente, giacciono inevase ormai da parecchi mesi nei cassetti del comune nonostante il solito parere positivo “verbale” espresso su di esse dal sindaco e dal segretario comunale.
Con la rinuncia del commissario e/o con la nomina di qualcuno più malleabile si risolverebbero tutti i problemi dell’amministrazione comunale: nessun fastidio per gli abusi di Pilieri e nessun canone da pagare, nessun problema per Zagadennaghe, Su Murischeddu e Santu Miale , nessuna richiesta di indennizzo e di ripristino per l’area ex alloggio suore demolito, nessun problema per la nuova area da concedere nel campo sportivo grande del Collegio e nessuna intromissione sulla chiesa Don Bosco.
Se non fosse per il fatto che nel progetto di trasformazione io ci ho creduto e continuo a crederci, se non fossi convinto che anche altri problemi che hanno colpito la sfera dei miei interessi personali sono derivati dall’essere commissario straordinario dell’Ente (e questo mi da molto fastidio), se non fosse che le furbate non mi sono mai piaciute e se non fosse che non ho alcuna intenzione di rendere la vita più facile, a chi ha forse pensato di potermi usare, (altra mia opinione), questa soluzione andrebbe bene anche a me.
Ma non sarebbe giusto e non vivrei certo più tranquillo posto che ho deciso di trascorrere gli anni che mi restano in questo paese a cui sono molto legato, perciò, cortesemente, vi invito, come nuovi amministratori, a farvi un’opinione vostra sull’intera questione e sulle possibili soluzioni ed a renderla pubblica: ritenete possa essere ancora valido l’impegno assunto con la delibera di giunta n. 76 del 2008 oppure preferite che i beni dell’Ente entrino a far parte del patrimonio immobiliare del comune?
Entrambe le scelte sono possibili e qualsiasi decisione verrà presa sarà legittima a patto che sia il risultato di una discussione pubblica chiara ed aperta e non l’esito di ambigue manovre sotterranee.
Per il rispetto istituzionale dovuto a tutti i cittadini lussurgesi che hanno il diritto di sapere come stanno le cose e di decidere con la loro testa, in piena libertà, chiedo pertanto una risposta a questo quesito ricordando che solo essi erano e rimangono, anche in caso di scioglimento dell’Ente, i beneficiari dei lasciti.
Per consentire a tutti i cittadini di avere maggiori elementi di conoscenza sulle disposizioni di legge e sulle normative che regolano le IPAB ho ritenuto opportuno organizzare, in collaborazione con l’ASSOCIAZIONE SOCIO CULTURALE DELLE TRE ETA’ un convegno pubblico sull’argomento, la cui data, modalità di svolgimento e nominativi dei relatori verranno comunicate successivamente.
Santu Lussurgiu 23 Luglio 2010
Cordiali saluti
Nino Sanna

25/07/2010

La storia dei …materassi

Filed under: Uncategorized — ipabcartameloni @ 00:03

Anche i materassi diventano un elemento di dissidio tra Sindaco e Commissario dell’Ente; sembra assurdo ma è la pura, tragica (ridicola?..) verità.
Chi ha letto i precedenti articoli è già al corrente che i beni della disciolta Cooperativa Culturale Carta Meloni sono custoditi nei locali del Collegio sotto la responsabilità del Commissario Liquidatore che ha le sue chiavi dell’immobile e che, dopo aver espletato tutte le necessarie formalità sta provvedendo alla loro vendita per Lotti.
…Vedi di seguito un estratto della disposizione di vendita…….
Cooperativa Carta – Meloni arl in liquidazione coatta amministrativa c/o il Comm. Liquidatore Boe Maria Rita Via Masones n.30 Oristano

“Il Commissario Liquidatore vende mediante gara informale i seguenti beni divisi per lotti al prezzo indicato oltre IVA 20%:
Lotto 1 ………..
Lotto 2 Arredi Stanze da letto e mensa armadi letti materassi comodini credenze etc.
Lotto 3 298 sedie
Lotto 4………..
Lotto 5 ……….
Lotto 6………..
Lotto7………..
Lotto 8 ………….
Lotto 9………….
Le offerte dovranno pervenire al domicilio del Commissario Liquidatore Dott.ssa Maria Rita Boe Via Masones n.30 entro il …………. Tel 0783/303000 – Fax 0783/777767

Due di questi :Lotto n.2 e Lotto n.3
sono stati acquistati da un eminente personaggio del paese che ha ha affidato a persone di sua fiducia il compito di caricarli sui mezzi e di trasportarli a destinazione; tutto questo sotto la vigilanza del Commissario Liquidatore e di una sua incaricata.
Al termine delle operazioni sono rimasti in campo, appoggiati al muro del Collegio, i materassi ricompresi nel Lotto n. 2 di cui qualcuno si voleva chiaramente disfare. Due giorni dopo, mentre mi trovavo a Cagliari, ho ricevuto alcune telefonate dalle guardie comunali che mi chiedevano conto dell’abbandono dei materassi perchè alcuni cittadini avevano protestato e perchè il titolare del servizio di raccolta rifiuti urbani si rifiutava di provvedere al loro smaltimento.
Risposi spiegando che ero il commissario dell’Ente, che la mia responsabilità era limitata agli immobili e non agli arredi in essi custoditi e che pertanto, per trovare soluzione al problema, dovevano essere interpellati il commissario liquidatore e l’eminente acquirente. Convinto che il problema fosse risolto anche perchè alcuni giorni dopo ebbi modo di verificare la scomparsa dei materassi dal luogo indicato, mi dimenticai della vicenda fino a quando incontrai il Sindaco che mi rimproverò per la mia negligenza e mi confidò, sorridendo sotto i baffi, che aveva dato disposizione di rimuovere i materassi e…….di nasconderli ….alla vista dei cittadini facendoli buttare dentro l’area del “campo piccolo” di proprietà della IPAB.
E’ così che si risolvono i problemi: i cittadini non vedono più i materassi e non si lamentano, l’eminente acquirente ed il Comissario Liquidatore non sono stati disturbati, le guardie comunali hanno ricevuto una esemplare lezione sulla rigidità e fermezza con cui si applica la legge, il Sindaco continua a ridere sotto i baffi ed il commissario della IPAB ….continua ad essere negligente e rompiballe.

24/07/2010

Nuova Amministrazione Comunale…stessi problemi.

Filed under: Uncategorized — ipabcartameloni @ 22:11

L’amministrazione comunale in carica è formalmente “nuova per il 69,22% dei suoi membri”; solo tre consiglieri, (due di maggioranza ed uno di minoranza), oltre al Sindaco, erano presenti in quella precedente.
Questo marcato rinnovamento mi aveva fatto sperare che il clima dei rapporti tra Comune ed Ente potesse cambiare. In questo senso mi ero espresso quando mi ero recato dal Sindaco per fargli gli auguri per la rielezione ed avevo ricevuto rassicurazioni di maggior snellezza anche per l’essere venuti a mancare alcuni “intoppi” (parole sue) che avevano rallentato prima, l’operatività della Giunta.
Aspettavo quindi, fiducioso, almeno la convocazione di un incontro per fare il punto sulle cose in sospeso e per trovare una via d’uscita dai garbugli precedenti. La convocazione non venne ma arrivò puntuale una “ nuova richiesta disponibilità struttura” per il rifacimento del tetto della chiesa Don Bosco, argomento di vecchia discussione, per il quale avevo già, più volte, mesi prima, richiesto delucidazioni, verbalmente e per iscritto, (senza ricevere risposta alcuna) e contestato l’illegalità, prima, della avvenuta pubblicazione del bando di gara per l’appalto dei lavori e dopo per la sua stessa assegnazione in virtù del fatto che il commitente era privo del consenso scritto del proprietario dell’immobile interessato.
Chiamai il Sindaco, gli chiesi se quello appena inaugurato era il “nuovo modo” di intendere i rapporti, mi rispose che non sapeva della lettera e che comunque i lavori andavano fatti e che io non facevo altro che frapporre ostacoli. Gli spiegai, per l’ennesima volta, che la legalità ed il rispetto delle regole non prevedono scorciatoie e che i passaggi burocratici vanno fatti anche quando risultano sgraditi ma mi resi conto che… “gli intoppi” non erano affatto venuti meno e che ….non era cambiato nulla.
Andai a parlare col Segretario Comunale, gli chiesi se anche lui condivideva questo modo di procedere e per tutta risposta sollevò le spalle facendomi capire che voleva vivere tranquillo.
Mi misi in contatto col “SERVIZIO TERRITORIALE ENTI LOCALI DI ORISTANO”, li misi al corrente della vicenda, convennero sulla fondatezza delle mie osservazioni e li pregai di cercare loro di far ragionare il comune di Santu Lussurgiu posto che io, ancora una volta, non ci riuscivo e che si stava avvicinando il momento in cui sarei stato costretto a ricorrere ad interventi di natura risolutiva.
Dopo questo “chiarmento” del Servizio Territoriale nei confronti dell’Amministrazione Comunale ricevetti una telefonata dal Sindaco che mi convocò in comune per un incontro, finalizzato a chiudere la questione, in presenza del Segretario Comunale, per il lunedì 21 giugno alle ore 18.
Mi recai puntuale all’appuntamento e…. constatai l’assenza, sia del sindaco, …che, a dire degli impiegati, non si era visto in tutta la sera, sia del segretario, …che, mi venne riferito, era andato via mezz’ora prima del mio arrivo.
Trasformai in lettera formale all’Amministrazione un foglio di appunti che avevo preparato per l’incontro e lo consegnai alla costernata segretaria perchè provvedesse a protocollarlo.
Per vedere la lettera cliccare sotto
lettera scanner don bosco del 21 giugno
Dopo questo episodio ricevetti ben tre bozze differenti di proposta di convenzione, sempre carenti di qualche elemento essenziale e quindi respinte, contenenti però, tutte, una richiesta del comune di acquisizione del “possesso” della chiesa che non veniva giustificata da alcuna ragione apparente. Respinte queste pretese assurde e dopo aver minacciato, in via ultimativa, una mia richiesta di intervento al Prefetto e all’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori Servizi e Forniture, che spinse il comune a più miti consigli, venne sottoscritta una “Convenzione per la concessione temporanea della disponibilità della chiesa di San Giovanni Bosco” contenente tutti quegli elementi di garanzia, richiesti mesi prima, e sempre ignorati dall’amministrazione comunale. Tutto finito???? Assolutamente no…. la storia continua……

20/05/2010

Ultimo omaggio dell’Amministrazione Comunale

Filed under: Uncategorized — ipabcartameloni @ 12:05

Dopo le opere abusive a Pilieri ed il mancato pagamento dei canoni,
– dopo l’occupazione di consistenti porzioni di terreno in località Su Murischeddu, Zagadennaghe e Santu Miale,
– dopo aver rifiutato di assumere qualsiasi impegno per la sistemazione dell’area liberatasi a seguito della demolizione dell’ ex alloggio suore,
– dopo aver perso oltre sei mesi di tempo prima di chiedere per iscritto una nuova area dove collocare il nuovo centro per la cura dell’autismo,
– dopo aver esercitato fortissime pressioni dell’ultimora perchè venisse concessa –senza contropartita alcuna(ovviamente)- una porzione di campo sportivo, incurante del fatto che si trattava di una zona verde D3 destinata a servizi di quartiere,
– dopo aver ignorato concrete proposte verbali e scritte presentate dal commissario dell’Ente per la risoluzione dei problemi elencati,
– dopo aver deliberato l’approvazione del progetto definitivo per il rifacimento del tetto della chiesa Don Bosco ed aver indetto la gara per l’appalto pubblico senza la necessaria autorizzazione dell’Ente che aveva manifestato anche l’intenzione di contribuire alle spese…
– dopo aver ignorato le stesse indicazioni della Regione che ha imposto il rispetto assoluto di tutti i passaggi formali….
è arrivato come omaggio finale all’Ente:
un avviso di pagamento di € 1.631,00 per lo smaltimento dei
rifiuti solidi urbani del Collegio per l’anno 2009

ogni commento è superfluo voglio solo precisare che gli unici rifiuti da smaltire sono quelli accumulati “provvisoriamente” nel cortile dell’edificio a seguito dell’interruzione dei lavori e quelli che si accumulano nel campo sportivo, accessibile da tutti i lati grazie alla demolizione dei muri perimetrali eseguita dall’amministrazione comunale; rifiuti prodotti dall’Ente non ce ne sono in quanto neppure gli arredi custoditi all’interno dell’edificio, che si sono salvati dalle ripetute incursioni vandaliche, sono di sua proprietà.
Nino Sanna
per visualizzare l’avviso di pagamento cliccate sulla riga sottostante

cartella rifiuti solidi urbani collegio
per ingrandire, dopo che si apre la nuova finestra, cliccare sul segno + nell’angolo in basso a destra

14/04/2010

INCONTRO CON DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI

Filed under: Uncategorized — ipabcartameloni @ 15:21

IPAB Ente Legati Carta Meloni
c/o Commissario Straordinario
vico E. d’Arborea n. 2
09075 Santu Lussurgiu

Al signor Sindaco
Comune di Santu Lussurgiu
Al signor Segretario Comunale
Al Responsabile Ufficio Tecnico
Ai signori Assessori
Ai signori Consiglieri Comunali

Cagliari 13 Aprile 2010

OGGETTO : Incontro con Direttore Generale delle Politiche Sociali, Assessorato della Sanità.

Si è svolto, il giorno 13 aprile 2010, il previsto incontro tra la Direzione Generale delle Politiche Sociali dell’Assessorato alla Sanità, Regione Sardegna ed il Commissario Straordinario della IPAB Ente Legati Carta Meloni per cercare di dirimere i problemi sorti a seguito della richiesta del Comune di Santu Lussurgiu di spostamento in altra area, di proprietà IPAB, dell’edificando Centro per la cura di persone con disabilità mentale di elevata dipendenza quale l’Autismo.
In rappresentanza dell’Assessorato alla Sanità erano presenti : l’Ing. Roberto Abis, Direttore Generale delle Politiche Sociali, la Dottoressa Paola Pau, Direttrice del Servizio Affari Generali, il Dr. Giangiacomo Serra, Responsabile Settore Affari Generali, Il Dr. Demuru e la Dottoressa Corrias del Settore Attuazione Programmi Comunitari, Nazionali e Regionali.
Dopo una rapida esposizione dei fatti e la risposta ad alcune richieste di chiarimento ho ribadito ciò che vado ripetendo fin dall’inizio di questa vicenda: il problema non è mai stato “il fare” (…il concedere l’area) ma il “come fare” (…a concedere l’area) e si è convenuto che tutti i passaggi formali vanno eseguiti, nel rispetto delle normative vigenti , della distinzione dei ruoli e dell’autonomia amministrativa di due Enti Pubblici tra i quali non esiste alcun rapporto di subordinazione.
L’Ing. Abis, chiamato ad altri impegni, invitava i presenti ad approfondire meglio tutte le questioni e suggeriva di chiedere preventivamente un parere all’Autorità di Gestione sullo spostamento dell’edificio.
La discussione è proseguita sugli altri aspetti ed è emersa, dal Servizio Attuazione Programmi Comunitari, l’esigenza di chiedere all’Amministrazione Comunale ulteriori delucidazioni.
E’ stato infine chiarito che nulla può essere fatto senza il consenso della IPAB, non solo in quanto proprietaria delle aree ma in quanto Partner del Comune nella partecipazione al Bando POR.
Distinti Saluti
Antonio Gavino Sanna

10/04/2010

Incontro 23 Marzo

Filed under: Uncategorized — ipabcartameloni @ 13:14

Su richiesta del Sindaco di Santulussurgiu si è svolto, il 23 marzo u.s., un nuovo incontro tra Giunta Comunale, Direttore dei Lavori, Responsabile del Procedimento, Impresa Appaltatrice e Commissario IPAB a seguito Nota prot.3463 del 15/03/2010 emessa dalla Sovrintendenza per i beni architettonici nella quale si esprimeva parere negativo alla realizzazione della nuova struttura sanitaria nel sito inizialmente previsto. In precedenza, con lettera del 25/02/2010, prot. 935, il Sindaco, già informato dell’imminente arrivo della “Nota” aveva chiesto alla IPAB “l’utilizzo di una nuova area della superficie di circa 550 mq ubicata presso l’ex campo di calcio dell’area IPAB, tra la via San Giuseppe e la S.P. n.15” si evidenziava inoltre “che verranno attivate tutte le procedure per la sistemazione dell’attuale area per garantirne un aspetto decoroso”. Nel corso del dibattito, di cui lo scrivente Commissario ha chiesto la stesura di un verbale, (gli interessati, presumo, possono chiederne copia all’amministrazione comunale) veniva ribadita la richiesta verbale della messa a disposizione dell’area senza specificare la collocazione in pianta del nuovo edificio e senza chiarire, in concreto, quali fossero le “procedure” da mettere in atto “per la sistemazione dell’attuale area”.
La mia osservazione che il concetto di “attivazione delle procedure” non poteva rimanere una enunciazione astratta riportata su una lettera di convocazione e ribadita verbalmente ma andava tradotto in una convenzione sottoscritta nella quale figurassero, in dettaglio, gli obblighi delle parti e che essendo poi, uno dei contraenti, l’amministrazione comunale, andavano assunti, a mio giudizio, anche i relativi impegni di spesa, veniva accolta con un misto di scetticismo e disappunto dagli assessori presenti e dallo stesso Sindaco il cui intento, ancora una volta, si è dimostrato essere quello di avere dall’Ente un’ulteriore concessione senza definire alcuna contropartita.
A niente è valso ricordare che tra Ente e Comune sono aperte altre questioni per le quali il Commissario ha presentato all’Amministrazione Comunale concrete proposte di risoluzione senza trovare, ad oggi, nessun riscontro e che non si può ragionevolmente pensare di trovare accordo con una parte destinata in anticipo a soccombere e con un’amministrazione commissariale che è l’unica preposta ad assumersi tutti i rischi.
Ho ribadito pertanto che senza un Nulla Osta preventivo sottoscritto dalla Direzione Generale delle Politiche Sociali dell’Assessorato alla Sanità, che è l’Organo che esercita la Vigilanza ed il Controllo sulle IPAB, non avrei sottoscritto nessuna ulteriore concessione e che mi riservavo di richiedere un incontro urgente col Direttore Generale Ing. Abis.
Nino Sanna

Di sotto viene riportata la richiesta di incontro spedita in data 24 marzo 2010

IPAB Ente Legati Carta Meloni
c/o commissario straordinario
via E. d’Arborea 7
09075 Santulussurgiu

Spettabile Regione Autonoma della Sardegna
Assessorato dell’Igiene e Sanità
e dell’Assistenza Sociale
Direzione Generale delle Politiche Sociali
Via Roma 253 Cagliari

Santulussurgiu 24 marzo 2010

Egregio Signor Direttore Generale Ing. Roberto Abis.

OGGETTO: Ristrutturazione di parte dell’edificio IPAB Carta-Meloni al fine di destinarlo a servizio residenziale di qualità, destinato a persone con disabilità mentale di elevata dipendenza quale l’autismo. Richiesta incontro.

Da diversi mesi, l’Amministrazione Comunale di Santu Lussurgiu, beneficiaria di un finanziamento ex Bando POR 5.2 per la realizzazione della struttura in oggetto, ha avviato trattative con il suo assessorato, con l’assessorato alla
programmazione, con i signori progettisti facenti capo allo studio Architettura e Pianificazione, con l’Impresa Assegnataria dell’appalto e con lo scrivente Commissario della IPAB Carta Meloni perché venisse valutata la possibilità di una traslazione dell’opera in altra area contigua, sempre di proprietà della IPAB.
Ciò a seguito di una petizione avanzata da un gruppo di cittadini il 20 aprile 2009, di un sopraggiunto primo intervento del MIBAC Sardegna datato 23 dicembre 2009 prot.4330 e di un secondo intervento del MIBAC Sardegna datato 15 marzo 2010 prot.3464.
Fin dall’insorgere della vicenda, lo scrivente commissario, rivolse alla Direzione Generale delle Politiche Sociali nella sua veste di organo di vigilanza e di controllo sull’operato delle IPAB, una richiesta di assistenza tecnico giuridica per poter gestire al meglio i problemi che ne sarebbero derivati all’amministrazione dell’Ente.
Era stato infatti demolito un immobile di proprietà, al quale, in sede di perizia giurata, era stato attribuito un valore di circa 300.000 euro e che sarebbe stato sostituto, ai sensi della apposita convenzione stipulata tra Ente e Comune, nell’elenco dei beni di proprietà dell’Ente, dall’edificando nuovo edificio di valore certamente maggiore.
Questo presupposto, fondante la stipula della convenzione stessa, per ragioni non dipendenti dall’amministrazione della IPAB, vennne improvvisamente a mancare e l’amministrazione comunale in risposta alle manifeste dichiarazioni di buona volontà espresse dal commissario sulla possibilità di concedere una nuova area a patto che si assumessero impegni formali sulla sistemazione dell’area demolita e sulla riparazione dei danni causati alla facciata di un altro edificio di proprietà dell’Ente, contrappose generiche promesse di un intervento risanatore da effettuarsi in tempi non determinati e sollecitò comunque la messa a disposizione di una nuova area di superficie equivalente.
Il tutto per via verbale e senza peraltro fornire precise indicazioni in pianta sull’ubicazione precisa dell’edificio da “traslare”.
La richiesta scritta, con analoghe caratteristiche di genericità, fù inviata soltanto in data 25 febbraio 2010.
Comprenderà, spero, le mie perplessità e le mie remore a dare avvallo ad una operazione così concepita che mi esporrebbe (per un incarico espletato a gratis e per puro senso civico, su proposta della stessa amministrazione comunale) a seri rischi di natura giuridico penale.
Nonostante tutto e benché la gestione dell’intera vicenda non sia stata da me condivisa anche per altre considerazioni che mi astengo dall’esporre, ribadisco la mia disponibilità a ricercare una soluzione legalmente percorribile perché la vicenda trovi una conclusione nel senso auspicato dall’ amministrazione comunale.
A tal fine propongo la stipula di una convenzione, all’interno della quale possono trovare soluzione anche altre partite aperte tra Ente e Comune, che contenga un assenso ed un nulla-osta formale dell’organismo di vigilanza, in attesa di una regolarizzazione giuridica delle questioni, da mettere a punto con la collaborazione dell’apparato legale dell’Assessorato.
Per le ragioni esposte si ritiene necessario un incontro operativo e concludente con qualche funzionario di sua fiducia, esperto della materia che possa fornire indicazioni risolutive.
La risoluzione dei problemi è resa più urgente dall’approssimarsi della scadenza elettorale cui anche il comune di Santulussurgiu è interessato; non è detto infatti che una possibile nuova giunta comunale condivida le scelte finora fatte.
Il Sindaco di Santulussurgiu mi ha pregato di informarla, qualora fosse possibile con così breve preavviso organizzare l’incontro, che il prossimo venerdì sarà a Cagliari per un incontro col Governatore Cappellacci.

In attesa di sue comunicazioni, porgo
Distinti saluti

Antonio Gavino Sanna

Per completezza di informazione allego:

cinque documenti che evidenziano le varie fasi della vicenda;
il parere dei progettisti sullo spostamento.

09/04/2010

Curiosi e Curiosità

Filed under: Uncategorized — ipabcartameloni @ 23:30

Per coloro che sanno come funziona un sito Web non sarà certo una grande rivelazione, ed è infatti agli altri che mi rivolgo, a quelli che dei meccanismi di funzionamento di Internet se ne fregano altamente ma hanno la curiosità morbosa dei pettegoli, la smania della novità cruenta e l’ aspettativa sadica della contrapposizione traumatica. Questo è un messaggio per coloro che visitano il sito non per il piacere della conoscenza ma per verificare trepidanti il livello dello scontro e che poi sono forse gli stessi che mi fermano per strada e si complimentano “per le bacchettate date al sindaco” e che più in la incontrano il sindaco e “gli esprimono la loro solidarietà contro l’arroganza del commissario straordinario”.
Siete voi i veri perdenti e dovete sapere che i vostri comportamenti, benchè messi in atto nel chiuso delle vostre case, sono un libro aperto e che le vostre stesse facce sono conosciute se non nella loro immagine visiva almeno nel loro connotati sostanziali.
Nella cosidetta “bacheca” cioè nella pagina di controllo del sito, quella che serve per inserire o togliere le notizie, gli articoli, le immagini ecc. si possono consultare infatti varie rubriche che evidenziano p.es. : il numero giornaliero delle visite, gli articoli o le pagine più visitate, i motori di ricerca che hanno indirizzato nuovi utenti al sito, le frasi o le parole che vengono usate per fare le ricerche ed altre informazioni che servono al gestore per capire se quello che viene pubblicato viene letto, se vengono fatti dei commenti, positivi o negativi che siano e se, in buona sostanza, viene recepito il senso del messaggio che è stato inserito in rete.
Succede “curiosamente” che nei giorni considerati cruciali, le cui date vengono presumibilmente fatte circolare dai tam-tam tribali, (quelli antecedenti o immediatamente successivi alle riunioni o agli incontri dai quali possono scaturire novità succose o clamorosi contrasti), il picco delle visite cresca vertiginosamente e le interrogazioni fatte tramite i motori di ricerca, per arrivare al sito, da parte di coloro che forse non conoscono l’indirizzo ma che si guardano bene dal chiederlo, evidenzino espressioni gergali da tifoseria di curva sud. “Lettera alla regione per imporre al commissario la cessione dell’area” – “Denuncia del comune per la demolizione di un edificio storico” – “revoca del commissario” – “appalto e responsabile procedimento”, “sovrintendenza e blocco progetto fuentes”, queste formulazioni, è palese, auspicano soluzioni in linea con le aspettative di chi le propone ed interventi sanzionatori nei confronti di chi sostiene posizioni differenti. Si percepisce netta una contrapposizione di intenti che rimane però chiusa nell’animo dei “tifosi” e che non sfoccia mai in una pubblica esternazione: lo spazio dedicato ai commenti dei visitatori rimane inesorabilmente vuoto. Almeno nel calcio, i tifosi, costretti negli stessi spalti, si azzuffano e si scontrano pubblicamente. I “tifosi” del Web, dagli spalti domestici, vivono gli eventi in onanistica aspettativa. Che si possano avere opinioni diverse e continuare a dialogare non viene considerato possibile e che siano possibili soluzioni di compromesso neppure e dare un contributo alla ragionevolezza per la ricerca di soluzioni condivise non interessa. E’ l’esito del conflitto; è il risultato dello scontro che appassiona. Dei mesi perduti e dello spreco di risorse pubbliche… chi si preoccupa?? Dei costi sociali di una azione diseducatrice che allontana ulteriormente la gente comune dalle istituzioni… chi ne tiene conto?? Che nella valutazione sulla decisione da assumere valga di più (soprattutto in vicinanza di scadenze elettorali) il peso politico dei potentati che le questioni di principio legate alla realizzazione di un’opera pubblica necessaria, urgente e fonte di possibile nuova occupazione, non fa perdere il sonno a nessuno ed anche quelli che, in via confidenziale, si dichiarano esterrefatti dormono sogni tranquilli.
E’ un curioso modo di ragionare, ma che volete, la vita è bella perchè è varia; perchè annoiarsi con la normalità di un pacifico confronto dialettico in una normale comunità dove la contrapposizione di idee è appunto… normale? Non preoccupatevi, rimanete pure alla finestra, tanto si troverà sempre qualcuno che deciderà al posto vostro e poi che gusto c’è ad essere normali?? Basta essere curiosi.

26/02/2010

Febbraio 2010, immagini aeree appezzamenti di terreno di proprietà dell’Ente ed immagini progetto “Casa Fuentes”

Filed under: Uncategorized — ipabcartameloni @ 12:42

Per ingrandire cliccare sull’immagine, per rimpicciolire cliccare freccia in alto sull’angolo sinistro dello schermo.

Le immagini che seguono sono tratte dalla presentazione del progetto Casa Fuentes, illustrato dal Prof. Maciocco, Preside della Facoltà di Architettura di Alghero, che su espressa richiesta dell’Amministrazione ha coordinato gli architetti e gli ingegneri progettisti. La pubblica assemblea di presentazione del progetto, svoltasi nell’aula consiliare di Santu Lussurgiu, è stata chiusa con un applauso dopo le parole di compiacimento e di vivo apprezzamento espresse dal Sindaco Dr. Chessa.

Per ingrandire cliccare sull’immagine, per rimpicciolire cliccare freccia in alto sull’angolo sinistro dello schermo.

« Pagina precedentePagina successiva »

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.