A proposito di Ente Legati Carta-Meloni

26/01/2010

Riprendono le manovre per l’edificanda Struttura Sanitaria

Filed under: Uncategorized — ipabcartameloni @ 16:39

cliccare sotto per leggere
comunicazione dei progettisti al comune in risposta ai quesiti
posti dall’amministrazione su oneri aggiuntivi per spostamento sito, fattibilità tecnico giuridica, considerazioni urbanistiche.
cliccare sotto per leggere
lettera incontro Comune, Dip Architettura-IPAB

Sono stato invitato dall’Amministrazione Comunale a partecipare ad un incontro, che si è svolto il 18 gennaio u.s., tra Giunta, progettisti dell’opera, Impresa Appaltatrice ed IPAB. (vedi comunicazione allegata)
I progettisti hanno illustrato, in maniera molto chiara ed esaustiva, una relazione di quattro pagine, messa a punto per rispondere ai quesiti loro richiesti dall’Amministrazione, nel corso del precedente incontro tenutosi il 21 dicembre 2009. (vedi relazione allegata)
Con argomentazioni di carattere tecnico, legale,architettonico ed urbanistico sono giunti alla conclusione che la soluzione più corretta e conveniente per l’Amministrazione è quella di “proseguire nei lavori così come appaltati”.
Alla soluzione prospettata sono state mosse diverse obiezioni da parte dell’Amministrazione Comunale che forse dava per scontato il trasferimento dell’opera in altro sito.
Interpellato sull’argomento:
– ho riconfermato la mia disponibilità a venire incontro alle esigenze dell’amministrazione comunale nonostante la mia non condivisione di principio in merito allo spreco di risorse pubbliche che questa operazione comporterebbe; (con gli stessi soldi si potrebbe ripristinare la recinzione del campo sportivo demolita per intervento del comune)
– ho rammentato che fino a quel momento non avevo ricevuto nessun indirizzo operativo concreto e scritto (che è cosa diversa dalle chiacchere e dalle generiche rassicurazioni verbali) sul come fare a sanare il buco che si verrebbe a creare nel patrimonio dell’Ente a seguito della demolizione di uno stabile iscritto a bilancio per un valore di 300.000,00 (trecentomila) euro di cui, come amministratore pubblico, sono chiamato a rispondere ad organismi di controllo istituzionali;
– ho evidenziato che occorreva trovare una soluzione concreta alla sistemazione dell’area da lasciare eventualmente libera e della facciata del collegio deturpata dalla demolizione;
– ho invitato la giunta a riflettere anche sul fatto che essendo previsto, nell’area adiacente, un intervento, già finanziato, per il rifacimento della copertura della chiesa, sempre di proprietà della IPAB, mi sembrava illogico procedere col criterio dei rattoppi successivi e che probabilmente sarebbe stato opportuno rivedere il tutto e ricollocarlo all’interno di una logica di insieme;
– ho ribadito che fino a quel momento (e neppure fino ad oggi che scrivo queste parole) l’amministrazione non aveva concretizzato alcuna richiesta formale alla IPAB di messa a disposizione di nuove aree in termini di metri quadri occorrenti, collocazione esatta della nuova opera, accessi, servitù, recinzioni ecc.ecc. per poter procedere ad una valutazione concreta, anche in termini economici, dell’ulteriore impegno finanziario richiesto e che pertanto, a fronte di richieste generiche sulla concessione di una nuova area ed a rassicurazioni generiche sull’impegno dell’amministrazione per la risoluzione concreta dei problemi non potevo che rispondere, CON TUTTA LA BUONA VOLONTA’, con dichiarazioni di disponibilità… di egual peso.

Nino Sanna

Annunci
TrackBack URI

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: